Esperienza di Alessia un'amica dell'ABCDEF - A.b.c.d.e.f. Onlus - Associazione Bambini con Diabete e Famiglie

Vai ai contenuti

Menu principale:

Esperienza di Alessia un'amica dell'ABCDEF

Esperienze
 

Ciao  a tutti,
sono Alessia, una bambina diabetica, vi chiederete cosa vuol dire?!
Qualsiasi cosa pensiate, vi assicuro che non è una cosa così tragica, almeno per come la vivo io e per come mi hanno insegnato il dottore che mi segue e la mia famiglia , in primo piano mamma e papà .
Ho scoperto di avere il diabete a tre anni e mezzo; all'inizio mamma e papà erano molto in ansia e si chiedevano se sarebbe stata una cosa così grave da rovinarmi la vita, invece no.
Io sono una bambina felice che non si distingue affatto da tutti gli altri bambini, ho una vita assolutamente normale , pratico sport come l'equitazione e il pattinaggio, vado in bicicletta, porto il cane a spasso,  vedo i miei amici ecc.ecc….!
Chi non conosce questa malattia, pensa che non si possano mangiare i dolci;  invece avendo  il diabete di TIPO 1 (diabete mellito), che non è legato al cibo, posso mangiare tutto quello che voglio, compresi i dolci.
Però,  mi domando :perché vi sto dicendo tutto questo??
Uno per sfogarmi, e due perché so che  molte persone si fanno un sacco di paranoie, come alcuni che quando sentono che ho il diabete  dicono: "poverina"!!!!...in realtà non mi sento affatto "poverina".
Cari lettori, vorrei spiegarvi che le malattie non sono solo cose tragiche , certo è meglio che non ci siano, ma nel momento in cui arrivano, vi assicuro che la reazione di una persona,  come nel mio caso, è quella di avere molta , ma molta  più forza di qualsiasi altra persona.
Il diabete per me è diventato  un amico che sta dentro di me, un amico da curare e che mi accompagna tutto il giorno e per tutta la vita, mi scoccio un po' quando devo fare l'insulina tre volte al giorno, e qualche volta di più , ma sapendo che facendo l'insulina,  posso mangiare torta ,gelato e pasticcini, quando mi pare e piace, non mi pesa più tanto.
Inoltre poiché io credo in Dio,  so anche che, se mi ha dato questa "croce",  l'ha fatto perché sapeva che io sono una bambina molto forte,  in grado di affrontare questo disagio ogni giorno che ha creato  IDDIO.
E' naturale che qualche volta ho avuto e avrò  dei cedimenti, come li ha avuti Gesù, ma mi fido di Lui che ogni volta mi da e mi darà la forza di "rialzarmi" e andare avanti.
Affrontare il diabete ogni giorno, per me è un grande allenamento  che mi consente  di superare meglio qualsiasi altro ostacolo che la vita mi metterà davanti.
In questa lettera, vi volevo dire che non tutto viene per nuocere e ……………………………………………………..
<ACCETTATE QUALSIASI COSA ACCADA , BELLA O BRUTTA CHE SIA  NELLA VOSTRA VITA>
Ciao a tutti                                                                                                                                                    Alessia Marà

 
 Cerca nel sito o nel web
Torna ai contenuti | Torna al menu